Archivi per categoria: pubblicazioni

Le Canzoni della Donna Albero – UN LIBRO e UN DISCO

Postato sabato, marzo 24th, 2018 at 12:12

cover-DONNA-ALBERO-front

C’era una volta una ragazza che abitava in una piccola città di provincia, non lontana dalle montagne. Era abituata ad andare spesso per boschi e prati e quando ci andava cantava sempre, sapeva le parole di più di mille canzoni.

Un bel giorno, siccome la ragazza stava diventando grande, decise di andarsene a vivere nella grande città. Studiare, lavorare e poi ancora lavorare e poi perdersi nel labirinto delle strade sconosciute, la ragazza ben presto si dimenticò che sapeva cantare e perse una ad una tutte le parole delle canzoni che conosceva.

Le giornate sembravano essersi di colpo accorciate, come il suo respiro, ma ogni sera, quando usciva dal centro commerciale dove riempiva gli scaffali di pastasciutta e sughi pronti, vedeva il sole tramontare dietro agli alberi e laggiù in fondo all’orizzonte dei calanchi, tra le nuvole piene di pioggia, alle volte le sembrava di riconoscere l’eco di una voce lontana.

Fu così che la ragazza, al primo filo di sole di primavera, decise di mettere i suoi averi in uno zaino, e presa la sua tenda da campeggio, andò a piantarla in un bosco poco fuori città. Lì vicino c’era una fattoria con tanti animali, un frutteto e un grande orto e la ragazza cominciò a lavorare la terra e ad accompagnare i bambini che venivano in visita per giocare nei campi.

Sotto il cielo aperto alle intemperie, la ragazza imparò pian piano a nidificare tra rami, a conficcarsi tra le radici, a riconoscere e insegnare ai bambini la vita segreta degli animali e dei frutti della terra.

E man mano che passava il tempo, alla ragazza cominciarono a tornare in mente le parole della canzoni che conosceva e non solo, anche quelle di canzoni nuove, che non aveva mai sentito prima, che raccontavano le storie del vento, della luna e della balena del temporale: erano proprio quelle Le canzoni della Donna Albero.


Per leggerle, guardarle ed ascoltarle:

Le Canzoni della Donna Albero

Raccolta di canzoni illustrate

di Marina Girardi

Marina Girardi: testi, disegni, radici, voce e chitarra

Josè Salgado: foglie, legno e percussioni

Schena: cordofoni e frutti di bosco

allocco del torrente mazzagatti: cori selvatici

Enzo Cimino: registrazioni,mixaggio e temporali

Leonardo Guardigli: cura grafica


LIBRO + CD

spillato – pagine 32

formato 26×26 cm

su ordinazione in libreria dal 25 marzo

oppure: [email protected]


IMG_4942

IMG_4940IMG_4944IMG_4953IMG_4947IMG_4963IMG_4970IMG_4978

Le canzoni della Donna Albero – MAKING OF

Postato sabato, marzo 3rd, 2018 at 12:55

COVERblog

Il primo movimento del seme di un albero che germoglia è verso il basso, verso il centro della terra.

Poi in un secondo tempo avviene il movimento verso l’alto, in direzione del sole.

Ma cosa succede se sulla terra sembra non esserci più spazio in cui sprofondare e il cielo è tutto coperto di nubi?

Le canzoni della Donna Albero” è una raccolta di canzoni illustrate, che dopo tanti anni di germinazione fiorirà in un libro, un disco e una mostra,

con l’arrivo della primavera:
25 marzo 2018 @Blu Gallery – Bologna …Stay tuned!

FB: Le Canzoni della Donna Albero

17aw

E poi li ho visti i semi che continuano ad esserci sotto la neve…

https://soundcloud.com/marinagirardi/i-semi-della-neve

cd2cd3IMG_49014IMG_7047IMG_7050IMG_7033IMG_7036IMG_7072IMG_7052

IMG_4732IMG_4733IMG_4734IMG_4735

Sulle tracce della Dea – Viaggio nel grembo della Storia

Postato martedì, gennaio 30th, 2018 at 21:09


Il Crowdfounding è cominciato:

Sulle tracce della Dea

Viaggio nel grembo della Storia

Un viaggio fra passato e presente attraverso il Mediterraneo, in cui foto, testo e illustrazione uniti nella forma del carnet de voyage ci conducono nei luoghi più simbolici della civiltà della Dea Madre, alla ricerca delle nostre radici e di un futuro possibile.

Un libro di Giuditta Pellegrini,
con le illustrazioni di Marina Girardi e Miryam Molinari
a cura di Chiara Neviani

Segui la campagna: https://www.produzionidalbasso.com/…/sulle-tracce-della-de…/

index2

L’archeologa Marija Gimbutas , che dedicò la sua vita a studiare le antiche popolazioni dell’area europea , scoprì nei reperti le tracce di una civiltà estremamente raffinata nata 25.000 anni fa , caratterizzata dall’ assenza di guerre e da una grande fioritura culturale. Il legame assoluto fra gli esseri umani e la Madre Terra celebrato naturalmente nel corpo femminile e nel culto della Grande Dea , diede luogo a società così sostenibili da durare per circa 20.000 anni. E’ questa cultura atavica che i popoli del mediterraneo condividono: essa era talmente radicata da influenzare profondamente le popolazioni successive quali i Lici, gli Etruschi, i Berberi , e ancora oggi il suo eco fa vibrare corde profonde in chi ne senta parlare.. .

index

Scrive l’utrice, Giuditta Pellegrini: “Sulle tracce della Dea narra il viaggio che mi ha portata alla scoperta di alcuni dei luoghi chiave di questa antica civiltà: Çatalhöyük , in Anatolia centrale, da molti considerata la prima metropoli al mondo, dove sono stati rinvenuti i reperti fra i più importanti legati al culto della grande Dea; gli stupefacenti templi a forma di corpo di donna di Malta e Gozo costruiti per accogliere attraverso le loro pietre equinozi e solstizi; Simena , affascinante città matrifocale licia della Turchia, sprofondata sotto al mare per un terremoto e ancora visibile fra le acque cristalline e Sejnane , piccolo villaggio berbero tunisino al confine con l’Algeria, dove le donne lavorano la terracotta secondo un metodo ancestrale e con decorazioni che riprendono la simbologia della Dea. Il racconto si compone di foto scattate durante il percorso, di un testo scritto in prima persona sotto forma di diario giornalistico e di illustrazioni e interventi grafici che andranno a intessere con le foto un suggestivo e costante dialogo. E’ suddiviso secondo le 4 tappe sopra citate, che sono sempre contestualizzate con brevi cenni all’attualità.”

1-09-16-17

Cosa c’era prima di una storia scandita dalle battaglie e da violenti cambi di scenario ; prima della divisione in nuclei separati chiamati famiglie e dell’ organizzazione della società in gerarchie e gruppi di potere , sulla base della quale abbiamo modellato la nostra idea di civiltà? Forse un mondo che era comunità , dove non esisteva prevaricazione e uomini e donne condividevano potere e margine di azione. Marija Gimbutas ci porge attraverso i suoi studi una nuova prospettiva da cui osservare la storia dell’umanità , chiedendoci di abbandonare i nostri schemi e di sollevare lo sguardo dal ristretto segmento di storia in cui ci troviamo, per aprirci a nuove possibilità di intendere il concetto stesso di civiltà. E’ con questa ispirazione che nasce Sulle tracce della Dea , un viaggio nel grembo della storia , nello spazio e nel tempo, alla ricerca di quel lembo che unisce le nostre radici più antiche con l’oggi.

www.giudittapellegrini.it

https://www.produzionidalbasso.com/project/sulle-tracce-della-dea-viaggio-nel-grembo-della-storia/


Storia di un’amicizia che viene da lontano

Postato martedì, dicembre 5th, 2017 at 14:58

Morandi-00-COVER2

24294073_2033207756947390_7347275171766289960_n

Giovedì 7 dicembre – ore 18.00


Storia di un sapore che viene da lontano

presentazione del libro illustrato da Marina Girardi

sulla storia del Caseificio Morandi


Il Pollaio – Box 28 – Mercatino Albani Bologna

La lunga storia del Caseificio Morandi illustrata da Marina Girardi.

Un viaggio attraverso quattro generazioni di pastori e casari, un racconto che ci porta dagli Appenini modenesi alle sponde dell’Adige, nella Bassa Padovana.

Più di cent’anni di rispetto dei ritmi naturali e di radicamento nel territorio, raccontati con la poesia a fumetto di un’autrice sensibile e attenta.

Il “libricino” che potrete leggere e vedere, verrà raccontato dall’autrice stessa, giovedì 7 dicembre dalle 18.00 a Il Pollaio, all’interno del Mercatino Albani di Bologna.

Per l’occasione il Caseificio Morandi offrirà una degustazione dei suoi prodotti migliori, da gustare assieme a un buon calice di vino.

Conosco Angela Morandi dai tempi dell’università, è lei l’amica che nella mia prima pubblicazione, Kurden people, mi accompagna a conoscere gli approdi clandestini dei ragazzi curdi al porto di Venezia. Oggi lei, con le sorelle Elena e Chiara, conduce l’azienda di famiglia e insieme abbiamo pensato questo lavoro per raccogliere alcuni dei racconti del padre Oriano, ascoltati con avidità al grande tavolo di famiglia.

É dedicato a chi ancora pratica la pastorizia e in special modo alle donne che nei secoli tanto hanno faticato nel sostenere l’opera dei loro mariti pastori.

24131228_2029630987305067_8581073348658016405_n

Morandi-03-04

Morandi-05-06

Morandi-09-1b0Morandi-09-10

Morandi-11-12

Morandi-13-14

Morandi-17-18


Morandi-19-20

… E alla bottega Morandi del Mercato Albani in Bolognina il gregge continua a transumare!

magiramurales

IMG_1834


LUNARIO della DEA 2018 – La strega

Postato domenica, novembre 26th, 2017 at 19:57

01.La-STREGA-nigredo

Ecco la mia illustrazione per il Lunario della dea 2018 – Terra Nuova Edizioni a cura di Chiara Chiarostergi

La natura di noi donne è ciclica ma veniamo cresciute ed educate con una visione lineare del tempo e degli eventi, tipica della società patriarcale. Tutte noi abbiamo bisogno di saper gestire le nostre mestruazioni con ciclicità, normalità e dignità, nonostante oggi ciò sia ancora una sfida ovunque.

Bellissimi disegni di giovani illustratrici ci propongono ogni mese una rappresentazione onirica e contemporanea di grandi figure femminili ribelli, che nel loro tempo si sono battute per conquistare spazi di libertà. Goga Mason si confronta con Cleopatra, Francisca Paz Gallardo Urrutia con Oyà Yansà (divinità celebrata in Niger, madre del Caos) e Kali, Serena Luna Raggi con IpaziaMaria MaddalenaEmma Bignami con Fata MorganaMedusaLlorona, Marina Girardi con una figura di strega, Nuke con Maga CirceCassandra, Aurora Boreal con Lilith.

Per saperne di più: http://lunariodelladea.wixsite.com/calendario

Per ordinare il Lunario 2018: http://www.terranuovalibri.it/

IMG_3507IMG_3511

IMG_3508IMG_3509

… e le altre immagini inedite della mia Strega Herbaria

02.La-STREGA-rubedo

03.La-STREGA-albedo

LIBERA – Quaderni a fumetti contro le mafie

Postato mercoledì, ottobre 5th, 2016 at 12:10

DANIELA E MARLEY 00

Giovedi 6 ottobre h.18 30

Presentazione dei quattro quaderni con brevi storie a fumetti sul tema della lotta alle mafie, realizzati da Coop Alleanza 3.0 in collaborazione con Hamelin associazione culturale, in vendita nei negozi di Coop Alleanza 3.0.   Librerie.coop Ambasciatori -  via degli Orefici, 19, 40124 Bologna

Il ricavato dalla vendita andrà a sostegno delle attività di Libera.

I fumetti sono stati realizzati da Fabio Bonetti, Marina Girardi, Gabriele Peddes e Silvia Rocchi.

A voi un’anteprima della storia di Daniela e Marley, che potrete trovare in uno dei nuovi Quaderni di Libera.

DANIELA-E-MARLEY-01

DANIELA-E-MARLEY-02DANIELA-E-MARLEY-03

Fuori dai Banchi – LINUS torna a scuola

Postato mercoledì, settembre 7th, 2016 at 13:13

IMG_0549

IMG_0550IMG_0552IMG_0556IMG_0553LINUS-SCUOLA-1LINUS-SCUOLA-10LINUS-SCUOLA-2LINUS-SCUOLA-5LINUS-SCUOLA-9LINUS-SCUOLA-6LINUS-SCUOLA-8LINUS-SCUOLA-3LINUS-SCUOLA-4a

CAPRIOLE, chi ben comincia…

Postato lunedì, settembre 14th, 2015 at 18:27

capriole_copertina.rid

Eccoci: Capriole è in libreria.

Il mio nuovo libro a fumetti esce per la Casa Editrice Topipittori collana Anni in tasca graphic.
Ecco la presentazione che ne fa l’editrice, Giovanna Zoboli, sul suo bellissmo blog:

La sua autrice è Marina Girardi, fumettista, ciclista, pittrice nomade e musicista, ingegnosa e anomala. Le origini della sua ingegnosità, del suo nomadismo e del suo amore per la libertà, le scoprirete in questa coinvolgente storia autobiografica che inizia in un paesetto di montagna e finisce per le vaste strade del mondo: quello vero, ma anche quello immaginato. Entrambi sono pieni di avventure, anche perché Marina, che sa fare cento cose, a un certo punto a scrivere, giocare e disegnare si stufa, e allora va fuori a fare conoscenza con tutto quello che incontra.
In queste pagine scoprirete insieme a lei che in montagna sotto i nomi dei luoghi, fra gli alberi e le sorgenti, vivono storie bellissime; che si può imparare a cantare mentre si fanno i lavori della campagna; che per fare uscire il sole basta fare la polenta; che i serpenti parlano e che dalla loro bocca magica si apprende che se sai fare la capriole, la malinconia e la paura scappano.

Abbiamo chiesto a Marina di raccontare come ha deciso di accettare la proposta di scrivere e disegnare la sua storia per gli Anni in tasca graphic. E questa è stata la sua risposta. Giudicate voi se non promette benissimo.

chiBenComincia-1

chiBenComincia-2

chiBenComincia-3

E adesso, giusto per ingolosirvi, ecco le prime pagine del libro.

CAPRIOLEn02-03CAPRIOLEn04-05CAPRIOLEn06-07CAPRIOLEn08-09CAPRIOLEn10-11CAPRIOLEn12-13CAPRIOLEn14-15CAPRIOLEn16-17

E, infine, eccovi un po’ di dietro le quint: storyboard, caratterizzazione dei personaggi, schizzi…

prova-personaggiostoryboardstoryboard2jpgmatita-viperamatita-renna

Bene. Vi diamo due minuti per mettervi su la felpa o lo scialletto e andare in libreria!

Pasubiana a Milano – spazio B**K

Postato martedì, maggio 6th, 2014 at 15:58

1173821_10202543121610796_2015654969_n

Presentazione del progetto PASUBIANA

con Giulia Mirandola, Alicia Baladan e Marina Girardi

+ mercatino dei quaderni + mostra documentaria

Giovedì 15 maggio alle 19

Spazio B**K

Via Porro Lambertenghi 20 MILANO

10007053_10202543128170960_963692193_n1780679_10202543129410991_1479195866_n1948113_10202543128890978_35977078_n1911805_10202543121890803_543889879_n

SANKARA, il presidente in bicicletta

Postato lunedì, febbraio 17th, 2014 at 12:22

Copertina_Sostiene-SankarawebFinalmente potete trovare in libreria

SOSTIENE SANKARA

AA.VV.
a cura di KANJANO e AMANDA

Becco Giallo Edizioni

La vita e il pensiero di Thomas Sankara, il “Che Guevara Africano” che ha immaginato una via più equa e giusta allo sviluppo economico e sociale del Continente Nero.
“Il debito pubblico africano, controllato, dominato e alimentato dall’imperialismo occidentale, è una riconquista dell’Africa sapientemente organizzata, in modo che ogni africano possa diventare schiavo finanziario di chi ha avuto l’intelligenza e la furbizia di investire da noi. Per questo noi, oggi, esigiamo un rimborso.” Thomas Sankara
Conosciuto come “il Che Guevara Africano”, il capitano militare Thomas Sankara è stato il primo presidente libero dell’Alto Volta, paese a cui egli stesso cambiò il nome in Burkina Faso, ovvero “la terra degli uomini integri”. Leader carismatico ed esempio di moralità per tutta l’Africa Occidentale, Sankara ha realizzato riforme radicali per eliminare la povertà e le disuguaglianze, ha promosso l’uso dei contraccettivi contro l’AIDS, ha combattuto la pratica dell’infibulazione e lavorato per cambiare la mentalità dei più giovani con l’obiettivo di proporre all’Occidente la cancellazione del debito internazionale africano. Fu ucciso il 15 ottobre 1987 assieme a 12 colleghi in un colpo di stato organizzato da un suo ex compagno d’armi, l’attuale presidente del Burkina Faso Blaise Compaoré, con l’appoggio di Francia e Stati Uniti d’America.
Con le traduzioni dei suoi discorsi sul debito africano, sulle donne, sull’ambiente, sull’unità africana e approfondimenti scritti di Marinella Correggia (altraeconomia), Silvestro Montanaro (raitre) e Sergio Nazzaro. Disegni di: Christian Ghisellini, Mauro Biani, Akab, Toni Bruno, Simone Lucciola, Vito Manolo Roma, Rocco Lombardi, Kanjano, Daniele Serra, Roberto Biadi, Marina Girardi, Fabrizio Des Dorides…

La mia storia è tratta dal discorso che Thomas Sankara ha tenuto alla Prima conferenza internazionale sull’albero e la foresta – Parigi 5 febbraio 1986:

sankara-tav1

sankara-tav2

sankara-tav3

sankara-tav4

TUTTA DISCESA

Postato venerdì, maggio 17th, 2013 at 12:17

COVER-singolaWEB

Dal 27 maggio in tutte le librerie ecco finalmente

scende in volata TUTTA DISCESA

per Comma 22 Editore

Tutta discesa è un diario a fumetti di un viaggio in bicicletta dai colli bolognesi fino al cuore dell’Abruzzo attraverso l’Appennino centrale.

il viatico della bicicletta rende possibile l’incontro con un’Italia che scorre silenziosa fuori dal corso principale mentre lo sguardo disegnato rivela l’eredità delle storie nascoste tra i suoi fondali montuosi.

Nelle tavole di Marina Girardi non esiste un grande e un piccolo, un primo piano e un piano secondario, tutto, dalla farfalla che si posa sulla bicicletta alle opere di Raffaello, ha la stessa importanza, che è quella dello sguardo che tutto registra con curiosità e identico stupore.

Dai colli marchigiani ai Monti Sibillini, attraverso i Monti della Laga fino al Lago di Campotosto, e poi Campo Imperatore e la Rocca di Calascio, un viaggio da imitare, con tutti i consigli e le mappe, o da seguire sulle tavole illustrate, sul filo delle parole che ci accompagna sottile.

IMG_1502

80-81

IMG_1481

IMG_1493

92-93

IMG_1512

IMG_1506

100-101

IMG_1519

76-77

IMG_1449

IMG_1522

30-31

IMG_1523



Kurden People en France

Postato mercoledì, aprile 17th, 2013 at 23:15

COUV_KURDEN-WEB

Il 13 aprile è uscito nelle librerie francesi Kurden People per L’AGRUME

…e la prima recensione lo accoglie!

COMBOkp-fr