Archivi per categoria: sketch book

NYUBU – Lastìe, Làres e Strie de la Yatha (Lastroni, Larici e Streghe del Ghiaccio)

Postato venerdì, marzo 3rd, 2017 at 00:37

IMG_1374

Gli uomini che non sanno più riconoscerle le scambiano per le malefiche Strie del la Yatha, le streghe dei ghiacci.

Sono invece le Regine Dolomitiche dell’Inverno, vagano di vetta in vetta per annunciare l’arrivo del gelo, nascondono tra le loro vesti le anime dei morti e custodiscono le chiavi degli inferi, ma sono anche divinità sananti “poichè tengono nelle loro mani, insieme alla sorte del tempo scaduto, il dono della grazia, la promessa di vita futura.

Dalla tradizione più antica sono poste a custodia della soglia che divide l’eterno ritorno dalla lenta caduta nel tempo, tutte accomunate dalla rayèta, la magica pietra azzurra che sorveglia l’inizio, governa l’evoluzione e sigilla l’accesso al mondo degli inferi, affinchè le anime morte possano aspettare nel grembo della terra il sorgere di un nuovo ciclo, quando il tempo sarà compiuto.”

Ulrike Kindle – Miti Ladini delle Dolomiti

IMG_1386IMG_1382IMG_1400IMG_1391IMG_1393IMG_1389

IMG_1375IMG_140120170219_14024420170219_140324IMG_1379aIMG_1388IMG_1394bIMG_1397IMG_1399IMAG0067

NYUBU in questo blog

NYUBU su facebook

Nomadisegni a Cagliari – NUES Festival

Postato mercoledì, ottobre 26th, 2016 at 18:06

sketch-mar1

Il Liceo Artistico di Cagliari è l’unico istituto superiore della città ad avere un numero di allievi in crescita ogni anno. Nonostante questo da anni gli alunni vagano da una sede all’altra a causa di continui trasferimenti e frammentazioni delle classi, sparse in zone periferiche, senza poter disporre di spazi consoni allo sviluppo degli insegnamenti artistici. La loro battaglia per avere una sede degna, unica e centrale è culminata negli ultimi mesi con presidi di strada e una petizione che potete firmare qui.

Grazie a NUES, Festival Internazionale del Fumetto che quest’anno è giunto alla VII edizione, abbiamo incontrato 20 studenti dell’istituto. Con loro abbiamo fatto un’invasione di Nomadisegni al mercato coperto di San Benedetto, il grande mercato storico cagliaritano. Abbiamo fatto scorpacciata delle storie ordinarie e straordinarie di bancarellari e frequentatori, materia viva per la creazione delle tavole a fumetti e forte esperienza di incontro con la città.

Un grazie speciale a chi ha lavorato per intrecciare gli intenti: Susanna Puddu e Margherita Zanardi dell’Associazione Sustainable Happiness.

IMG_0795IMG_0803IMG_0806IMG_0807IMG_0815IMG_0810IMG_0818IMG_0822IMG_0824IMG_0830IMG_0848IMG_0854IMG_0855IMG_0858IMG_0860IMG_0861sketch roksketch-mar3sketch-mar2

Piantaggini di Fine Maggio

Postato martedì, giugno 16th, 2015 at 09:51

scan333483

scan333484scan333485

scan333479scan333478scan333480scan333481IMG_7020

verde magira2

www.facebook.com/magirainbici

PASSI ERRATICI dal Monviso al Festival Torino e le Alpi

Postato lunedì, settembre 22nd, 2014 at 20:18

28

Passi Erratici gioca con la semplice sostituzione di una lettera per appropriarsi delle caratteristiche dei massi erratici (grandi rocce che in migliaia di anni sono state trasportate in pianura dall’azione di un ghiacciaio) e trasferirle a un progetto che vuole esplorare il legame tra montagna e pianura e riflettere sui cambiamenti della natura e dell’uomo. Obiettivi che condivide con il Festival Torino e le Alpi, ideato e sostenuto dalla Compagnia di San Paolo e nella cui cornice Passi Erratici è inserito.

Il progetto è partito il 6 agosto con un trekking che ha coinvolto 7 artisti, un curatore e 2 grafici del catalogo, in tre giorni di cammino attorno al Monviso. Storia, ingegneria, natura e leggenda. Il Viso racchiude in sè l’essenza della montagna. Essenza che durante i giorni di cammino è servita da spunto per la realizzazione di molti tra i lavori che presentati nelle mostre che il 12 e 13 settembre hanno aperto al Museo Nazionale della Montagna di Torino e al Forte di Exilles. Laura Pugno, Brave New Alps, How We Dwell, Luca Giacosa, Fabio Battistetti, Jonathan Vivacqua, Marina Girardi, Alessandro Quaranta, Francesco Del Conte, Enrico Gaido, Pierluigi Pusole e Walter Visentin hanno esplorato il tema della montagna utilizzando linguaggi e approcci diversi. Come nel panorama a 360 gradi che si vede da ogni cima, Passi Erratici presenta fotografie, installazioni, video, sculture e performance che trattano i temi del viaggio e dell’esplorazione, della memoria della vita alpina passata e di quella presente, della forza ispiratrice della natura, dell’ecologia ed ecosostenibilità, della montagna vista in relazione con la città.

Il curatore del progetto Passi Erratici, Stefano Riba

010407091010b131515b20b23252728b28c293031

Nomadisegni a sud!

Postato lunedì, agosto 18th, 2014 at 19:33

locandinaILVICOLOweb

locandinaAFRA2web

San Nicola Arcella è un piccolo paese dell’Alto Tirreno, in Calabria. Il vecchio borgo marinaro è sospeso tra un casinò abbandonato e la spiaggia affollata dai turisti. Michele D’Ignazio, che in inverno scrive per i bambini le storie di una matita, ci invita al Vicolo Vineria, il locale che gestisce nel centro storico durante l’estate. Lo spettacolo della cantastoriessa riempie una piazzetta dove tavolini e sedie finiscono dentro alle cantine. Le mura vetuste e i vicoli meno frequentati finiscono tra i nostri appunti disegnati. Con Michele saliamo sui monti che sovrastano il paese a conoscere Caterina, intenta a preparare la cena per i suoi figli pastori. Il gregge non scenderà prima di sera dalle cime ripide e sassose, quando noi saremo purtroppo già ripartiti.

Nel bel mezzo del Molise invece, la regione che dicono non esista, in un vicolo del centro storico di Larino, dentro a una stanzetta piena di libri, come un tesoro, scopriamo il Circolo Culturale Afra. Ci accolgono la sua fondatrice Caterina Franceschini, che da anni scava il solco per piantare i semi della cultura condivisa, insieme a Cinzia Minotti e Chiara Scarpone, creatrici di Alberi Sonori per il recupero di musiche tradizionali. Insieme a loro scendiamo alla fonte delle storie del borgo, intrecciamo storie e scacciamalocchi, disegniamo strade e tratturi, cantiamo di amori e cospirazioni fino a tarda notte.

Quando però arriva l’ora della janare anche le migliori compagnie si devono separare.

NMDS-COMBO1

Magira inBici a Perlapiave

Postato lunedì, giugno 16th, 2014 at 17:10

piaveaironeWEBAlla seconda edizione di Per la Piave mi ci portano la mia bicicletta da pittrice, una vecchia amica che ora fa anche lei la racconta-storie, e soprattutto una storia, La Piave appunto, in cui provo ad ascoltare la voce del Piave, dopo aver scoperto che è femmina. E poi a questo bel festival incontro altre belle donne, due attiviste di Acqua Bene Comune, che lottano per difendere i torrenti dolomitici da chi si vuole arricchire senza scrupoli. E tramite loro ritrovo Elisa, uno dei personaggi della mia storia a fumetti. Così girano le storie, come l’acqua che si fa nuvola e poi piove, se noi le accompagnamo, e le seguiamo e le lasciamo scorrere, senza metterci troppo in mezzo, senza perderci d’animo.

IMG_1564IMG_1591IMG_1593IMG_2362IMG_1598IMG_2362aPiaveAirone2

Nomadisegni a Monte Lepre

Postato lunedì, giugno 2nd, 2014 at 11:39

IMG_1149aPer salire a Monte Lepre c’è un sentiero che si snoda tra larici, betulle e vecchi castagni.

E poi lassù il legno suona, i rospi ballano e da ogni camino di pietra esce il profumo di timo serpillo.

Il nostro diario di viaggio si trova qui:  www.nomadisegni.it

IMG_1149

L’ULTIMO CAVALLO

Postato venerdì, gennaio 31st, 2014 at 19:57

IMG_0401

Scopriamo la riserva naturale Zompo lo Schioppo durante una rigida giornata di inizio gennaio, girovagando tra le valli abruzzesi che confinano col Lazio.

Per salire alla sorgente che dà il nome alla riserva bisogna attraversare un bosco di castagni, aceri e cerri. Ma solo quando i faggi secolari contorcono i loro tronchi grigi si giunge al cospetto di un salto d’acqua che sembra la lunga lingua bianca del Monte Crepacuore, da cui il torrente sgorga gettandosi nel vuoto con uno zompo, appunto, di più di ottanta metri.

IMG_0298

Salutata la cascata più alta d’Appennino, sul sentiero del ritorno ci imbattiamo in tre possenti cavalli da tiro che riposano dopo il lungo lavoro, protetti da un cane da pastore.

Poco più in là due uomini stanno caricando un camion con grossi tronchi di castagno. Sostiamo a ritrarre le loro magnifiche bestie ed ecco che ci si presentano: sono Peppe Manni, 74 anni, boscaiolo da generazioni e uno degli ultimi ad adoperare ancora i cavalli per il carico nel bosco, e suo figlio Ezio, che si trova qui in occasione delle vacanze di Natale, visto che ormai ha lasciato la ditta del padre per lavorare nel cantiere dell’Alta Velocità della Stazione di Bologna.

peppe-WEBcavalli-da-tiroWEB

I ritratti dei cavalli riscuotono apprezzamento, Ezio poi è sicuro di avermi giù visto intenta a dipingere con la mia bicicletta in via Oberdan… e così in men che non si dica veniamo invitati a cena:

Peppe continua a riempire i bicchieri col suo corposo vino novello mentre ci racconta una vita spesa su e giù per le montagne di tutto il centro Italia:

- Facevo da solo il lavoro de tre, quattro uomini: quant’evvero iddio, ero l’uomo più forte della valle!

IMG_0388-Adesso il lavoro non c’è più, ci spiega Ezio, la legna arriva dall’estero, a prezzi troppo bassi, e noi abbiamo già dovuto vendere quasi tutti i cavalli.

Elisa, la moglie di Peppe mentre ci serve le ciambelline al vino, con gli occhi che non smettono mai di sorridere ci raccomanda:

-I disegni che avete fatto portateli a Bologna, che lassù queste cose neanche se le immaginano!

Cara Elisa la vostra storia è diventata un’altra canzone disegnata della Cantastoriessa di Nomadisegni:

01.ULTIMO-CAVALLO

02.ULTIMO-CAVALLO

03.ULTIMO-CAVALLO

04.ULTIMO-CAVALLO

05.ULTIMO-CAVALLO

I disegni di Rocco e altre foto dello Zompo lo Schioppo su www.nomadisegni.it

AHMADI

Postato venerdì, dicembre 20th, 2013 at 12:36

AHMADIweb

Cosa ci fa quel ragazzo seduto a terra, appoggiato al muro sotto al portico del Crusel?

È da più di mezz’ora che scrive senza alzare gli occhi da un foglio che tiene appoggiato alle ginocchia, totalmente assorto nella sua occupazione. Eppure fa freddo, è dicembre inoltrato e la sera, a quest’ora la temperatura sarà poco sopra lo zero. Ma lui continua a scrivere, senza badare alla gente rumorosa che popola via del Pratello.

– Forse è ubriaco, penso, sarà uno scrittore a cui è giunta fulminea un’ispirazione…-

Nell’avvicinarmi mi accorgo che i fogli già scritti sono tanti, con caratteri arabi, calcati forte da una biro blu.

- Cosa scrivi? Gli domando accovacciandomi al suo fianco

- Una lettera, per i miei fratelli che sono alla Dozza – fa lui, alzando gli occhi neri dalle pagine fitte di parole – anche se non serve a molto io gli scrivo per fargli sentire che sono vicino… in carcere fa molto freddo.

- Come ti chiami?

- Ahmadi, vengo dalla Tunisia

- Un paese difficile..

- È questo che fa più male, perchè anche se i miei fratelli sono di nuovo liberi, poi è un casino anche fuori.

LE ALTRE PIANTAGGINI si trovano sugli arretrati di PIAZZA GRANDE oppure si possono leggere QUI.

Nomadisegni a L’Aquila

Postato lunedì, novembre 25th, 2013 at 13:27

LAquila29novembreWEB

In centro a L’Aquila sono pochi i passanti. Sarà che da quasi cinque anni nelle case non ci abita più nessuno, sarà il freddo che punge feroce, ma in giro per le strade incrociamo solo operai edili, al lavoro in quei cantieri che incominciano piano piano a svuotare i palazzi dalle macerie.

Oppure alpini che si scaldano le mani soffiandoci sopra, mentre con le loro camionette presidiano le vie ancora blindate, tra i goccioloni della neve che si scioglie colando giù dalle impalcature.

Poco fuori dal centro, l’anno scorso Giuliano era riuscito a riaprire la Libreria Polarville, un caffè letterario che prima del terremoto era punto di riferimento e luogo d’incontro per appassionati di libri, musica e cinema. La speculazione sugli affitti e la totale assenza di un piano urbanistico su cui fare affidamento, hanno in pochi mesi costretto Giuliano alla chiusura. Ma con Novenove Cityrockers, il gruppo di cui fa parte, continua a organizzare eventi e concerti, in attesa di trovare un nuova tana per libri e dischi. Speriamo davvero che sia pronta per quando torneremo a trovarlo.

02

063

04

082

12

13

18219

Trifora Ungherese a Venezia

Postato mercoledì, novembre 6th, 2013 at 19:13

szabolcsweb

A Venezia, tra le grandi navi che grondano masse di turisti a immobilizzare la città mentre sempre più abitanti se ne vanno, anno dopo anno,

in mezzo al traffico di taxi, gondole e vaporetti, in aumento nonostante l’incidente mortale di quest’estate sotto il Ponte di Rialto,

sulle fondamenta che cadono a pezzi perchè tutti i fondi pubblici da anni finiscono nelle tasche di chi dice di occuparsi della costruzione del Mose,

-un sistema di paratie mobili che dovrebbe salvare la laguna e invece la trascina sotto le acque sempre più alte di corruzione e malgoverno-

c’è una grande casa che si chiama Cà Raibi, abitata da pescivolanti resistenti che uniscono le forze per creare uno spazio d’incontro e di condivisione,

dove può succedere che la trifora del salotto diventi cornice per il trio di musicisti ungheresi di Szabolcs Szőke, che in cambio dell’ospitalità e di un pranzo vegetariano degno di nozze, ci hanno regalato la loro musica straordinaria.

…e come diceva Andrea Zanzotto nel suo Filò: aàh Venessia aàh Vanègia aàh Venùsia…

szabolcs2web

peterweb

danielweb

MEI musica per gli occhi

Postato giovedì, ottobre 3rd, 2013 at 15:32

flyer

A Faenza al MEI, Meeting di musica indipendente, c’era anche Associazione Culturale Mirada e con lei un manipolo di disegnatori live. Ecco alcune impressioni dalla città dove rimbalzano i suoni (e un grazie speciale a Andrea Zoli).

MEI4

MEI2

MEI5

MEI6

MEI1

MEI3